Le strade sbagliate del femminismo: da Catharine MacKinnon al “pensiero della differenza”

Catharine MacKinnon è una femminista e avvocatessa americana, che nel corso della sua carriera si è occupata di molestie sessuali sul lavoro e pornografia. Tuttavia, penso che sarà più nota per questa sua citazione:

Qualsiasi rapporto sessuale, anche il sesso consensuale all’interno del matrimonio, è un atto di violenza perpetrato contro una donna.

Questa frase viene spesso citata nei blog antifemministi a riprova dell’esistenza del “nazifemminismo” e dei danni che il femminismo avrebbe fatto alla società. Sebbene un’affermazione senza contesto possa essere interpretata in qualsiasi modo, nulla può cancellare il fatto che quella frase sia stata detta. Questo tipo di affermazioni deliranti danno un’immagine negativa del femminismo e delle femministe che non corrisponde alla realtà; gli estremisti ci sono dappertutto, purtroppo, ma non è giusto che i loro deliri coprano la voce di chi ha delle idee propositive da esporre, idee che si possono condividere o no, ma che sono rispettose della dignità e della libertà di ogni individuo. Dell’Islam condanniamo i fondamentalisti, della destra critichiamo i nazifascisti, abbiamo condannato i terroristi di estrema sinistra, ora dobbiamo prendere atto dell’esistenza di una “corrente demenzialista” ed estremista nel femminismo che va neutralizzata.

Il femminismo ha preso molte strade sbagliate, e io sono convinta che il cosiddetto “pensiero della differenza” sia una di queste, perché sostenere una naturale diversità nel carattere e nella personalità di uomini e donne significa non considerare i secoli di stratificazioni di condizionamenti che pesano su entrambi i sessi, che hanno plasmato le idee di “femminilità” e “mascolinità” e che ancora oggi ci si presentano come modelli obbligati, limitando la libertà di essere sé stessi di ognuno di noi, e perché voler ricondurre ogni individuo entro degli schemi predefiniti significa negarne l’individualità e la soggettività, ed è altrettanto deleterio dei condizionamenti di cui ho detto sopra.

L’idea secondo cui esiste una differenza ‘naturale’ che renderebbe le donne più protettive e accudenti, perché ‘naturalmente predisposte’ ad essere madri non tiene conto del fatto che il cervello – le nostre idee, le nostre esperienze, la nostra emotività – ci definisce più di quanto possa mai fare un utero. La maternità è una caratteristica del sesso femminile, fin qui è la biologia. Che la maternità debba definire l’identità della donna, è speculazione. E una speculazione che non tiene conto dell’individualità di ognuno, e che perciò io respingo. Io diffido di tutti coloro che cercano di dire cosa è giusto o sbagliato per ‘essere donna’.

Questo non vuole essere un attacco a Catharine MacKinnon come persona. Parte del suo lavoro ha rappresentato un contributo importante nel riconoscimento delle molestie sessuali sul lavoro come un reato e nella loro classificazione, diventando uno strumento prezioso per le donne che volevano intentare una causa per molestie ai loro capi e contribuendo a modificare la mentalità che vedeva questi comportamenti come qualcosa di “normale” per una donna lavoratrice.  Ella infatti è stata la prima a sostenere che che le molestie sessuali sono una discriminazione in base al sesso perché tali atti rafforzano l’ineguaglianza sociale delle donne rispetto agli uomini, in quanto se una donna viene molestata è perché il suo essere donna viene considerato prima del suo essere lavoratrice. Quindi non è ritenuta una lavoratrice pari ai suoi colleghi, e questa è una discriminazione. L’idea di discriminazione si basa sul fatto che il sesso è considerato prima e al posto delle qualifiche del lavoratore, che quindi non viene più trattato come tale.

Ella ha inoltre distinto le molestie in due tipologie principali: la prima consistente nelle proposte/ricatto fatte ad una donna in cambio dell’assunzione, di un aumento di stipendio, sotto la minaccia di un licenziamento e così via da parte di un suo superiore, e la seconda consistente in un ambiente lavorativo dove la molestia è una costante, è generalizzata, fino ad “avvelenare l’aria” e a svilire la dignità della lavoratrice. L’analisi della MacKinnon ha fornito ai tribunali basi certe per condannare i responsabili di tali comportamenti.

La parte del suo lavoro con cui mi trovo in disaccordo è quella che concerne la pornografia. Per Catharine MacKinnon essa andrebbe proibita in quanto rappresenta una forma di discriminazione e di traffico di vite umane (quest’ultima definizione la equipara quindi alla prostituzione forzata). Prima di continuare, vorrei premettere che sono convinta che la pornografia contribuisca non poco a diffondere l’idea della subordinazione e dell’inferiorità delle donne, rappresentandole come oggetti di cui gli uomini si servono, senza riguardo e con disprezzo, per il proprio piacere, ed è irrilevante il fatto che nella finzione le donne sembrino godere di questo tipo di trattamento. Tuttavia, so anche che non tutta la pornografia è di questo tipo, e che in generale il proibizionismo non ha mai risolto le cose: ciò di cui ci sarebbe bisogno sarebbe una rivoluzione dell’immaginario che rappresenti le donne come individui, non come Altro ma come soggetti. Un cambiamento di mentalità può più di tutte le leggi del mondo.

Catharine MacKinnon sostiene:

Pornography, in the feminist view, is a form of forced sex, a practice of sexual politics, and institution of gender inequality.

Il femminismo rivendicava e rivendica la libertà di scelta e di autodeterminazione individuale. Se lei vuole censurare/proibire la pornografia, tradisce il femminismo, e lo fa anche pretendendo di esprimere un punto di vista universale, quando invece il movimento ha molte posizioni diverse e vive del confronto e dello scambio di opinioni. Come ho detto, sono d’accordo con lei sul fatto che la pornografia rafforzi le disuguaglianze esistenti tra i sessi, ma non posso condividere la sua posizione estremista secondo cui essa è anche “una forma di costrizione al sesso”.

A me la pornografia da’ fastidio, perciò mi limito a non guardarla, perché so che urterebbe la mia sensibilità vedere scene in cui le donne sono trattate con violenza. Ma, a parte i casi in cui ci sono donne costrette a girare quei filmati, le attrici pornografiche sono consenzienti e libere di decidere se continuare a “recitare” in questo tipo di film o abbandonare la professione, in generale, perciò non vedo come si possa parlare di costrizione. Per me ciò che importa non è quello che succede nel filmato, per quanto violento o degradante possa essere. Mi importa solo che ogni donna che ne ha girati sia stata consenziente e non costretta.

La pornografia violenta e degradante non dovrebbe esistere? Penso di sì, trovo disgustoso che ci siano persone che hanno bisogno di vedere una donna umiliata e sottomessa per eccitarsi. Tuttavia, essa esiste, e ci sono donne che accettano di “recitare” questo genere di ruoli, sono scelte che non condivido ma che devo rispettare, perché l’autodeterminazione e l’indipendenza per le donne significa anche questo. In una società ideale, non ci sarebbe alcun bisogno per le donne di fare una scelta del genere, ma non è proibendo la pornografia che costruiremo questa società ideale.

And as you think about the assumption of consent that follows women into pornography, look closely some time for the skinned knees, the bruises, the welts from the whippings, the scratches, the gashes. Many of them are not simulated. One relatively soft core pornography model said, “I knew the pose was right when it hurt.” It certainly seems important to the audiences that the events in the pornography be real. (Catharine MacKinnon)

Se le donne che lavorano nella pornografia hanno compiuto la loro scelta liberamente, credo che abbiano messo nel conto i “danni fisici”, così come un pompiere accetta di potersi bruciare in un incendio, così come un muratore accetta di poter cadere da un ponteggio, così come un pilota di moto accetta di poter restare vittima di un incidente, o per fare esempi meno drastici, così come un’atleta accetta di potersi slogare una caviglia allenandosi. Ogni lavoro comporta dei, per così dire, “danni collaterali”, di cui il lavoratore o la lavoratrice è consapevole nel momento in cui intraprende quella carriera.

Alla luce di quanto ho detto, non posso che restare della mia opinione iniziale, secondo cui, nonostante i suoi importanti contributi non solo al femminismo ma all’intera società, Catharine MacKinnon abbia preso una strada sbagliata nell’affrontare la pornografia e il sesso. La sua visione va combattuta, perché la sessualità è una componente importante dell’essere umano e non può venire negata; il sesso non è una questione di violenza, non è una questione di dominazione e sottomissione (anche il sadomasochismo si basa sul consenso da parte dei praticanti, ed è quindi una libera scelta) ma di reciproco interscambio e condivisione. Non è vero che le femministe odiano gli uomini o sono anti-sesso come l’affermazione della MacKinnon potrebbe far pensare! Il femminismo si è impegnato molto per la libertà sessuale delle donne, in modo che per loro il sesso non fosse solo assecondare i desideri degli uomini, ma anche ricercare il proprio piacere e sfatare i miti della contrapposizione “madonne/puttane”. Negli anni ’70 si è lottato per sdoganare la masturbazione femminile, il diritto per le donne di provare piacere (come dimostra l’articolo The Myth of the Vaginal Orgasm di Anne Koedt) e di vivere la loro sessualità in modo autonomo e non secondo criteri ideati dagli uomini (come la contrapposizione tra orgasmo clitorideo e orgasmo vaginale), e queste rivendicazioni continuano ancora oggi con le campagne a favore dell’informazione consapevole sulla contraccezione, tanto per fare un esempio, e con la lotta contro i pregiudizi ancora esistenti sulla sessualità femminile. Perché, ancora una volta, c’è bisogno di dire: “Non più puttane, non più madonne, ma solo donne”.

10 pensieri su “Le strade sbagliate del femminismo: da Catharine MacKinnon al “pensiero della differenza”

  1. Sulla MacKinnon e certi estremismi (presenti tra l’altro in ogni movimento politico e corrente di pensiero, anche la più nobile) sono d’accordo con te e in linea di massima anche sul pensiero della differenza (che comunque rispetto) o meglio su certi suoi eccessi. Penso che donne e uomini, nella loro diversità (che è o dovrebbe, abbiano pari dignità morale e intellettuale nel bene come nel male, dolcezza e aggressività, tenerezza e violenza ecc.. possono appartenere ad entrambi i generi (a volte pure alla stessa persona) in forme diverse o meno. Certo poi il dato biologico, per dirne una, che solo le donne restano incinte ha degli effetti anche sul piano culturale ma siamo un tale intreccio di natura e cultura (produrre cultura è nella nostra natura si potrebbe dire) che è difficile districarsi.

  2. Sul pensiero della differenza ho espresso un’opinione più generale, ma in futuro mi dedicherò ad approfondire l’argomento in modo più analitico.
    Quest’articolo è nato da un discorso fatto con un amico che provocatoriamente mi aveva linkato un blog antifemminista con la citazione della MacKinnon (due giorni dopo gli ho linkato in risposta un sito di una Chiesa statunitense che condannava Final Fantasy XIII come pornografico, satanico e inneggiante alla superiorità delle lesbiche sugli uomini, dal momento che lui è un fan della saga :P). La citazione mi ha colpita e mi ha spinta a documentarmi un po’ (su en.wikipedia) su quest’autrice; purtroppo è sempre valida la regola che dice che gli estremisti hanno sempre più visibilità dei moderati, e quindi ho sentito di dover, diciamo così, controbilanciare le cose parlando di ciò che la MacKinnon ha fatto e ribadendo che il femminismo non è il mostro che cercano di dipingere in molti siti e blog.

    La questione della maternità non voglio neppure affrontarla, mi sembra un argomento troppo soggettivo perché qualcuno possa trarne delle leggi universali…

    • Prima di scrivere i vostri bei discorsi, informatevi se l’autore ha DAVVERO pronunciato quelle parole. E se citate mettete almeno il titolo da cui avete estrapolato quelle frasi che vi sono servite per rigirare il discorso come volevate

      • Forse è stato un approccio superficiale da parte mia non documentarmi sulle fonti – di solito lo faccio – ma l’opera di Catharine MacKinnon non è facilmente reperibile in italiano, e l’urgenza di confutare la strumentalizzazione di quella citazione e dell’autrice da parte dei blog antifemministi, che se ne servono per demonizzare il movimento, mi ha spinta a tralasciare la fonte in favore del contenuto.
        Per quanto riguarda le citazioni in lingua inglese sono tratte dalla voce della MacKinnon su en.wikipedia.org.

        Il mio articolo voleva solo chiarire la mia personale posizione in merito ad alcuni, secondo me, errori del movimento femminista. Non è mia intenzione né sminuirlo né mistificarlo né in alcun modo “rigirare il discorso” o strumentalizzarlo.

  3. e quindi nessun modo di provare piacere o vivere la sessualità andrebbe negato o demonizzato, da quelli “tradizionali” o diffusi a quelli più “bizzarri” l’importante è la consensualità

  4. ma tu non hai letto manco una pagina di MacKinnon.
    sennò sapresti che non ha mai affermato di credere che donne e uomini siano diversi per natura.
    e se vuoi ti cito una SUA frase, proprio sulla questione delle differenze, tratta da “le donne sono umane?”
    “a volte la gente mi chiede <>. L’unica risposta che so dare è: naturalmente esiste una differenza; la differenza è ceh gli uomini hanno potere e le donne no. Voglio semplicemente dire che gli uomini non sono dominatori per natura, nè le donne sono subordinate per natura; il fatto che socialmente lo siano genera la differenza sessuale così come la conosciamo.”

    quindi per favore prima di scrivere cose non vere, informati!

    • la differenza sessuale è qualcosa di molto complesso: non è solo natura o solo cultura, noi stessi siamo un intreccio di natura, cultura e storia.
      Ciò che dobbiamo ricordare è che uomini e donne sono moralmente e intellettualmente pari nel bene come nel male..e mascolinità e femminilità possono essere vissuti in tanti modi, più o meno diffusi ma legittimi e nessuno di per sè meno autentico o più autentico dell’altro

    • Non volevo scrivere che MacKinnon è un’esponente del pensiero della differenza, anche se rileggendomi mi rendo conto che la sintassi del mio articolo è pessima e pertanto era impossibile per chiunque capirlo. Il mio intento era di spiegare quelle che io allora consideravo posizioni sbagliate prese dal femminismo (in quest’ultimo anno ho rivalutato molte delle cose che ho scritto in questo post). E lo devo al gruppo e a tutto il materiale interessante condiviso da voi e dalla pagina Femminismo.

      Ricordo di aver scritto questo post in un momento di rabbia: l’idea che ciò che la gente conosce del femminismo è una visione distorta e negativa del femminismo stesso, e questo mina fortemente l’efficacia di qualsiasi battaglia che cerchiamo di combattere. Per questo credo che occorrano nette prese di posizione nei confronti di ciò che può far deviare dai suoi obiettivi (lo smantellamento del patriarcato al fine di creare una società dove ognuno sia libero di decidere chi vuole essere senza essere forzato a rientrare in caselle già predisposte) il femminismo.

      Comunque, la questione vera è: Catharine MacKinnon ha veramente scritto quella frase? E se l’ha fatto, come può essere contestualizzata? Se quella frase è un falso, questo post non ha nemmeno motivo di esistere, peraltro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...