Un nuovo anno e il punto della situazione

Il 2014 è arrivato e il mio piccolo blog si appresta a compiere due anni di vita. In questi due anni l’ho visto crescere, osservando con stupore le statistiche che mostravano un piccolo ma – per me – consistente flusso di visitatori, che spero abbiano trovato qui quello che stavano cercando, o almeno qualcosa di utile, una riflessione, dei dati, un punto di vista diverso, un’idea. Osservando la mappa e i numeri delle visite – da così tanti Paesi del mondo – continuo a chiedermi se qui ci sia qualcosa che può interessare visitatori provenienti dalla Cina, dal Brasile, dagli USA, dalla Germania, perfino dall’Arabia Saudita o dalla Turchia: 63 Stati diversi. Probabilmente la maggioranza di queste persone sarà finita qui per caso, per errore, ma spero di essere riuscita ad essere utile a qualcuno di loro.

Il Ragno è nato come un laboratorio personale, uno spazio dove chiarire la mia visione del mondo scrivendo delle cose in cui credo, delle cose a cui tengo, nato dalla convinzione che solo schierarsi ed elaborare un punto di vista consapevole sulle tematiche che la nostra società ci richiede di affrontare possa renderci cittadini veramente liberi e guidarci oltre i pregiudizi, oltre l’indifferenza, oltre l’ignoranza. Prima di iniziare a scrivere Il Ragno, annotavo le mie riflessioni su dei quaderni, e continuo a farlo quando ho l’urgenza di scrivere e non ho il computer sottomano, ma desideravo qualcosa di più duraturo e di più ordinato: un archivio che potessi consultare con il passare del tempo, e che fosse anche aperto al dialogo.

Con il tempo mi sono resa conto che, oltre a scrivere per me stessa, volevo e dovevo fare divulgazione in merito alle cose in cui credo: ho visto come cose che consideravo acquisite e chiare non lo fossero affatto, ho visto i pregiudizi, le mistificazioni e le semplificazioni, e ho capito che forse la mia voce non serviva solo a me.

Per il 2014 conto di continuare a scrivere e continuare ad ampliare i miei orizzonti, ad approfondire e a ricercare cose interessanti. Non ho grandi progetti: la direzione che Il Ragno prenderà sarà definita giorno per giorno, post dopo post, vedrò.

 

E ora, al termine di questi due anni di blog, vorrei ringraziare moltissimo tutti coloro che hanno deciso di seguirmi. Ne sono veramente onorata e spero che le mie riflessioni possano essere state utili. Un sentito grazie anche ad Alessio e Paolo per avermi spinta a riflettere con i loro commenti e le loro richieste di precisazioni, è anche grazie a voi se sto dando un peso sempre maggiore all’arte di discernere, affinando le analisi e addentrandomi nelle complesse sfaccettature di ogni argomento. Il vostro contributo al Ragno è prezioso.  Grazie a tutti i commentatori che hanno preso del tempo per esporre qui il loro punto di vista, le loro considerazioni, le loro aggiunte: è sempre un piacere ricevere feedback al proprio lavoro.

Alcuni di voi sono arrivati qui dai miei post sulla sperimentazione animale, e sono felice che siate rimasti nonostante non sia l’unico argomento che tratto. Spero di avere qualcosa di interessante da dire anche sul resto, sul femminismo in particolare.

In sintesi: grazie a tutti coloro che sono passati di qui, spero che continuerete a farlo anche in questo 2014!

Annunci

3 pensieri su “Un nuovo anno e il punto della situazione

  1. E penso che di quei mille che hanno letto il tuo blog dagli USA qualcuno di essi non ci è finito per sbaglio e penso e spero abbia trovato ciò che cercava.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...