“Non potevo pagare le cure di Vannoni e mi dissero: fai prostituire tua moglie”

“Non potevo pagare le cure di Vannoni e mi dissero: fai prostituire tua moglie”. Per coloro che ancora credono, nonostante sia stato ampiamente dimostrato che il “metodo Stamina” è inesistente e che le infusioni praticate seguendo le indicazioni di Davide Vannoni non contengono cellule staminali e sono anzi potenzialmente dannose, che Vannoni sia un benefattore dell’umanità guidato da nobili ideali, ecco una testimonianza: Nicola de Matteis si è trovato a pagare 9200 € ad infusione per la figlia affetta da encefalopatia, arrivando a indebitarsi per 47.000 €. Notizie come questa sono tasselli che si aggiungono per completare il puzzle e mostrarci Stamina per quello che è veramente: un inganno crudele nascosto dietro la bella vetrina della televisione.

Annunci

14 pensieri su ““Non potevo pagare le cure di Vannoni e mi dissero: fai prostituire tua moglie”

  1. Un’uscita simile la dice lunga sull’etica e sulla morale di vannoni & co.
    Nauseante.
    Finita questa storia sarebbe il caso di fare anche una bella indagine presso gli Spedali Civili di Brescia, per capire per quale motivo hanno dato tutto questo spago a quel truffatore.

    • La legge dice che le cure compassionevoli devono essere state regolarmente sperimentate e i risultati devono essere stati pubblicati, giusto?
      Quindi agli Spedali Civili avrebbero potuto rifiutarsi di somministrare Stamina sulla base della mancanza di pubblicazioni?

      • Dunque, la legge è stata cambiata una marea di volte, però la definizione di “cura compassionevole” sembra essere: “farmaco per cui non è ancora stata terminata la sperimentazione clinica”. Il metodo Stamina non è MAI stato sperimentato, quindi la faccenda è decisamente sospetta.

      • Allora la legge sulle cure compassionevoli ha la ratio di accelerare la sperimentazione umana e di permettere a persone che non hanno altre speranze di testare nuovi farmaci che hanno completato con successo la fase di sperimentazione animale. Per chiarire: Tizio soffre di X, malattia senza alcuna cura efficace. I ricercatori però hanno messo a punto la cura Y che ha appena passato la fase di sperimentazione sugli animali e deve iniziare quella umana. La legge permette a Tizio di tentare di curarsi con la cura Y.
        Non significa permettere di curare Tizio con l’olio di serpente proposto dal ciarlatano di turno.

      • Grazie per la precisazione, io avevo un’idea molto vaga della questione. In ogni caso ci deve essere almeno una sperimentazione sul modello animale, quindi la domanda resta: com’è potuto accadere che Stamina abbia trovato un’accoglienza così favorevole presso gli Spedali Civili?

      • Allora la questione la spiega bene wikipedia. http://it.wikipedia.org/wiki/Cura_compassionevole.

        Il decreto che regola la sperimentazione genetica (decreto ministero salute 5.12.2006) art. 1 comma 4 prevede fra l’altro (…) a) siano disponibili dati scientifici, che ne giustifichino l’uso (della terapia genetica), pubblicati su accreditate riviste internazionali.
        Sarebbe molto interessante conoscere la risposta alla domanda che hai posto, gli Spedali sono stati truffati o hanno operato in malafede?

    • Io mi domando come si possa credere che veramente quell’uomo sia un eroe. Già quando è emerso che i preparati di Stamina erano conservati in condizioni illegali (potenziale contaminazione) e che Vannoni era stato accusato di truffa le gente avrebbe dovuto avere almeno un sospetto, ma ora…le testimonianze, i dati scientifici, non credo serva davvero altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...