Proud to be Pride

Illetteralmente

In questo mese di Pride italiani, di commenti se ne sono sentiti di tutti i generi.
E non solo sulla falsariga del “facciamo una messa sulle vie del Pride se no Nostrosignore si incazza e ci manda le cavallette“, immancabile espressione di una minoranza poveretta, piccola e vocale; ma anche dubbi sulla legittimità di queste manifestazioni sollevati da persone che nella loro vita non si considerano affatto omofobe.

Oltre ai vari “E che bisogno ce n’era, ormai chi è che non accetta i gay?” (…sulserio?) il commento che ho sentito fare più spesso è stato più o meno questo: “La manifestazione è stata  bella, ma devono proprio fare quelle cose tutti nudi, o con le ali, o vestiti di lustrini? Così danno proprio ragione a quelli che pensano che essere gay sia perversione e allora i diritti non li avranno mai!!”

Ma è proprio questo

View original post 597 altre parole

Annunci

22 pensieri su “Proud to be Pride

  1. Allora io penso che uno dei motivi per cui i pride siano cosi particolari (o discutibili dipende dai punti di vista)e perché quella comunità spesso nella vita si deve nascondere agli occhi del mondo , e vede in quel giorno un qualcosa in cui poterla mostrare nel modo come preferiscono essendone fieri , be se ci pensiamo un attimo la cultura sessuale eterosessuale e dovunque i riferimenti al sesso e alla sessualità etero anche in contesti dove non c’entrano niente sono dovunque dalle pubblicità ai giornali e cosi via , quindi almeno che un giorno gli omosessuali vogliono mostrare il loro stile non ci vedo nulla di scandaloso ,(certo poi sulla barba e il rossetto avrei molto da ridire) interessante la parte finale ovvero se ci sia un altro modo di essere etero , questa sarebbe sicuramente da approfondire sicuramente io penso di si esistono varie sfaccettature di eterosessualità solo alcune più nascoste di altre.

    • A volte mi fermo e ci penso a quanto il fatto che l’eterosessualità sia data per scontata possa far sentire sbagliate le persone omosessuali (e peggio ancora le persone asessuali, che suppongo si debbano sentire completamente estranee a una cultura in cui il sesso è così presente e sempre oggetto di discorsi e rappresentazioni onnipresenti).

      • Be penso che l’obbiettivo di arrivo se si vuole accettare l’omosessualità e la bisessualità, sia di pensare l’orientamento di leggero come una cosa come tante , come se fosse un diverso tipo di colore di capelli o di pettinatura so che può sembrare assurdo ma se si vuole che l’omosessualità sia accettata non c’è altra scelta, e per accettata intendo vedere due donne o due uomini che si baciano per strada o che si tengono normale come la cosa più normale del mondo, certo non sarà affatto facile ma la cosa più difficile e quando un proprio parente fa coming out specialmente se parliamo del figlio o della figlia, certo sarebbe bello un giorno che per esempio una persona va a casa del amica o del amico e ti presenta suo fratello o suo sorella con il suo/a compagno/a e lo trova normalissimo ,(certo dubito che arriveremo un giorno che dici hai tuoi che ti sei fidanzato e loro chiedono se con una donna o con un uomo) sugli asessuati be non sono molti loro e poi penso che più che altro sia difficile per una donna vivere questa condizione rispetto ad un uomo , anche se al momento essere omosessuale è più complicato, poi per il momento secondo me quelli che se la passano peggio sono le persone transgender specialmente se non sono operate(quindi sopra donna sotto uomo per dirla brutalmente) e per lor la vita è dura , immaginati un uomo che si mette con una persona transgender(premetto che intendo sempre le non operate perché una completamente operata la considerò una donna a tutti gli effetti)e che magari deve presentarla hai genitori be capisci che è una questione complicata, per non parlare se lei vuole fare palestra, ecco qui emerge un problema reale che nei discorsi “filosofici” sul mondo LGBT esce poche volte , cioè una persona transgender in quale spogliatoio dovrebbe andare in quello delle donne o in quello degli uomini? oppure averne uno privato ma questo non è sempre possibile e potrebbe essere considerato come una specie di segregazione, come risolvere il problema anche perche le persone transgender non piace essere considerate come un terso sesso , o come un genere neutro, be secondo me(magari potrei anche sbagliare) gli spogliatoi dovrebbero essere unisex come fanno in alcuni paesi esteri, del resto se uno ci pensa un attimo alla fine in uno spogliatoio maschile oltre agli etero ci vanno pure i gay idem per le donne con le lesbiche , quindi penso che ci debba essere un unico spogliatoio in cui si debba andare non importa se uno è uomo,donna,gay,lesbica,etero o transgender e considerarlo come normale, be come fanno i nudisti e non mi sembra che avvengono stupri fra di loro le persone sanno controllarsi cioè senno il posto con più stupri dovrebbe essere la spiaggia.

      • Non ho risposte sulla domanda relativa agli spogliatoi. Dovresti chiedere a qualche persona transgender.
        La questione delle persone transgender è complessa perché coinvolge l’identità di genere, più che l’orientamento sessuale. I gay si riconoscono come uomini, le lesbiche come donne, per loro il problema non si pone.

        Ma, essendo che noi siamo persone cisgender (ci riconosciamo, cioè, come appartenenti al genere che coincide con il nostro sesso biologico), direi che dato che non ci siamo dentro, non siamo granché titolati a parlarne. E’ un argomento di cui so poco, non voglio rischiare di dare giudizi superficiali.

  2. Capisco be il motivo per cui mi sono soffermato un pò di più sulle persone transgender e perché sono quelli più difficili da accettare per la società l’omosessualità e la bisessualità piano piano cominciano ad essere accettate sempre di più e fra qualche decennio penso (e spero) che venga accettata al 100% questo invece rimane un quesito complesso anche al interno del mondo LGBT e del femminismo.

  3. ecco un articolo che potrebbe interessarti http://www.queerblog.it/post/156222/svezia-piscina-spogliatoi-unisex e poi quando parla di un altro modo di essere etero be mi viene in mente una cosa , quando si parla di una coppia gay si dice ma chi fa l’uomo e chi la donna e questo è un comportamento sbagliato secondo me infatti essere etero significa provare attrazione per l’altro sesso molte altre cose sono cose imposte dalla nostra società, quindi non c’è nulla di strano per esempio che la propria moglie/compagna lavori e l’uomo no o guadagni più di lui e che sia lei ad andarlo a prendere , o che sia lei quella più “attiva” a livello sessuale ecc….oltretutto come cose innovative ecco una linea di trucchi per uomini http://s3-us-west-1.amazonaws.com/static.brit.co/wp-content/uploads/2014/11/banner3.jpg e http://cdn.luxedb.com/wp-content/uploads/2011/01/Lipstick-Wearing-Men.jpeg interesante provare trucchi e accesori considerati femminili sugli uomini , be in questo ambito è importante sperimentare come le donne usano accessori e vestiti femminili non vedo perché non può succedere il contrario ,un pò come con le donne esistono le maschiacce per intenderci ,be del resto la varietà va bene e la moda deve innovare e cosi anche gli uomini avrebbero più varietà di look.

    • L’idea che le coppie omosessuali replichino al loro interno i ruoli delle coppie eterosessuali è offensiva nei confronti di chiunque sia gay o lesbica, dato che equivale a presupporre che una coppia gay/lesbica non può che copiare le coppie etero.
      Se poi si riferisce al sesso, questa idea finisce per implicare che, ad esempio, un uomo non stia con un altro uomo perché attratto dagli uomini, ma perché cerca nel suo compagno una donna. Il che implica che l’omosessualità non sia un orientamento sessuale autentico.
      Insomma, pregiudizi su pregiudizi nascosti dietro idee che ormai sono parte del senso comune, che la gente ripete senza analizzare.

  4. Che poi anche al interno del mondo eterosessuale ci sono molto tabu,prendiamo una donna con dei bambini che decidi di lasciare il compagno e magari poi si mette con un uomo di colore 10 anni più giovane e magari vuole fare un figlio con lui e sposarlo, una femminista o una persona di buon senso direbbe che se sono felici si vogliono bene e si rispettino il problema non c’è , ma molti che sono anche gli stessi che sono contro gli omosessuali sarebbero molto contrari, del resto mi viene in mente una bruttissima foto sui commenti in un post di facebook con molti mi piace , dove si vedeva una bambina che faceva il gesto del dito medio e poi una scritta “a tutti quelli che mi vorrebbero mulatta……” non ho parole per commentarla.

    • Perche’ naturalmente non essere contrari alle coppie interrazziali, o miste, significa volere che tutti siano mulatti.
      Cosi’ come essere favorevoli ai matrimoni gay significa volere che tutti siano omosessuali.
      Ceeerto, proprio cosi’.
      Ma l’idea che piu’ cose possano coesistere, il pluralismo, e’ cosi’ minacciosa per alcune persone?

      • Per loro si , ma la cosa assurda è l’ignoranza di queste persone sono le stesse anti-islam che poi elogiano la Russia dimenticandosi che in quel paese il 10% della popolazione è musulmana e le moschee li di certo non mancano, poi il fatto che l’omosessualità maschile secondo me sia vista più malamente di quella femminile ritengo che sia per motivi di profondo sessismo, cioè dato che una persona gay alla fine a livello sessuale fa quelle che fa una donna (con le dovute differenze ) e ritenuto meno uomo , invece la donna che va con un altra donna non è cosi e fa parte delle fantasie di molti uomini (anche se certi uomini sono abbastanza ignoranti che alle volte non capiscono la differenza fra una donna bisessuale e una omosessuale) e il “lesbismo” viene finto da molte attrici,cantanti(pensiamo a baci saffici fra cantanti della musica) che lo mettono pure nei loro video e nei loro concerti , e se una donna dello spettacolo (parlo di paesi come l’america più aperti di noi) dice di essere bisessuale di certo nessuno la critica o comunque molti poco , e trovo ipocrita che l’omosessualità maschile viene trattato in modo diverso , mi spiego se due donne dello spettacolo etero si baciano sul palco e tanto diverso se lo fanno due uomini? perché verrebbe considerato come umiliante o perché gli renderebbe meno uomini? cioè perché Katy Perry(che dovrebbe essere etero) può fare una canzone col titolo “ho baciato una ragazza” circondata da sexy ragazze e un uomo non possa fare lo stesso con una canzona chiamata “ho baciato un ragazzo” cosi come uomini e donne devono essere trattati allo stesso modo lo stesso vale per l’omosessualità.

      • Per quanto riguarda il “giocare al lesbismo”, direi che per risponderti posso chiamare in causa il concetto di “male gaze”, sguardo maschile. Come noti tu, il lesbismo è considerato sexy, perché rimanda, in un’ottica maschile (alle lesbiche, ovviamente, non interessa granché essere sexy agli occhi degli uomini, dato che non sono attratte da loro), ad un immaginario di threesome e perché è implicito il porre le donne come oggetto che seduce l’osservatore.
        Nei giochi, lo scopo è quello. Nella realtà dell’omosessualità femminile, le lesbiche non amano sentirsi “in vetrina”.
        Ma l’omosessualità maschile è contro l’ordine delle cose più di tutto. Confligge fortemente con quella che in inglese chiamano “toxic masculinity”, mascolinità tossica, quella basata sull’idea di maschio dominatore, sia per la passività sessuale sia perché il maschio dominatore presuppone come riflesso la donna-oggetto, il suo trofeo.
        Tutto questo è antiquato, assurdo, ma permane fortemente nella mentalità delle persone.
        Staremmo tutti meglio senza questi stupidi pregiudizi e riconoscerli è il primo passo per annientarli.

  5. Be come detto altre volte ritengo che il “female gaze” dovrebbe avere particolare importanza per fare un esempio, essendo io amante degli anime mi ha stupito molto vedere in alcuni anime (anche anime normalissimi) il fatto implicito o esplicito che ci fossero alcuni personaggi femminili che avessero come fantasia sessuale quella con due uomini o di una thresome (cosa che nelle opere e nelle fiction occidentali non è molto presente) e poi mentre il materiale pornografico lesbico e fatto spesso da registi uomini etero o comunque pensato più per quel pubblico, quello gay e fatto da registi gay o almeno penso cosi, molti sondaggi hanno mostrato come non sono poche le donne che apprezzano e guardano materiale pornografico gay(un po come gli uomini fatto con i video lesbo) anche per l’idea di una thresome ma spesso questo non viene detto, le donne (che in totale sarebbero più degli uomini) penso che apprezzerebbero molto un omosessualità maschile culturale più sdoganata(oltre che i gay stessi) be cosi come noi uomini ci piace che ci siano cantanti che facciano video con altre cantanti o gruppi musicali con stile lesbo e facciano servizi fotografici mezze nude in questo stile, non ci vedrei nulla di strano se lo facessero anche i cantanti maschi , oltretutto penso che questo sarebbe un passo in avanti so che molti potrebbero gridare al oggettivazione alla sessualizzazione ma questo si può fare solo quando una cosa è sdoganata voglio dire penso che se una femminista degli anni 50 di fronte a Bettie Page accusata per aver fatto delle foto nude per delle rivista stava dalla sua parte ,si può parlare di sessualizzazione o di mercificazione solo quando c’è una certa libertà di fare quella cosa non quando essa è tabu.

    • Il pluralismo nelle rappresentazioni, anche in ambito erotico oppure pornografico, e’ sempre una cosa positiva.
      Non sono un’esperta di porno femminista (ogni tanto leggo e non sempre sono d’accordo con articoli sul tema sul blog Intersezioni) ma da quello che vedo e’ forte per le donne il bisogno e il desiderio di parlare della propria sessualita’, di condividere le proprie scoperte, e questo desiderio e’ molto presente negli ambienti femministi dove si sa di non essere giudicate e dove si dissolvono le aspettative che i desideri delle donne siano subalterni a quelli maschili.
      Tuttavia escluderei i romanzi erotici scritti da donne, gli epigoni di 50 sfumature, da questa categoria, poiche’ li’ per vendere si punta sul mainstream ed e’ tutto pieno di cliche’.

      • Concordo , quello che vorrei intanto e che ci fossero più rappresentazioni del omosessualità(del resto sono pur sempre il 15% della popolazione se non di più) si in ambito normale , mi viene in mente una serie tv tedesca molto famosa poliziesca dove c’era un caso in cui ad una donna avevano uccisa la compagna e tutto veniva visto come normale , e quindi anche negli spot di vario genere del resto è giusto rappresentarli, sia rappresentarli maggior mente anche in ambito erotico e parlo anche del omosessualità maschile , in Giappone per esempio oltre agli anime e manga yuri(amore spinto fra donne) esistono gli anime yaoi(amore spinto fra uomini) alcune di queste storie non sono solo sesso ma spesso hanno anche una trama anche se in genere sono molto colti in uno di questi anime per esempio c’erano pure dei robot giganti come in tipico stile giapponese , be se una storia mi piace non mi da fastidio il fatto che ci siano dei gay, per esempio sto seguendo un animo yuri ma lo seguo perché mi piace la trama e penso che anche una donna etero lo seguirebbe se la trama gli piace,be il desiderio femminile e spesso contrastato da molti tabu, esempio pensiamo ad un museo dove per una settimana fanno una mostra sulla nudità maschile e dove per certi versi c’è anche uno stile gay, l’idea che una donna adulta magari anche con figli , ci possa andare non solo per fini artistici ci possa andare ad alcuni fa ancora storcere il naso, oppure pensare a sempre una donna simile quindi adulta e con figli che per esempio si masturba da solo o con dei sex toys guardando porno gay e/o interrazziale non è certamente una cosa sdoganata.

      • In realtà credo che per molti la sola idea di una donna che si masturba non sia ancora sdoganata.
        Per il resto, conosco diverse ragazze femministe che apprezzano lo yaoi perché lì possono trovare storie di ragazzi che sono dolci, aperti e sensibili l’uno nei confronti dell’altro.
        C’è anche questo bizzarro pregiudizio secondo cui il nudo maschile è per forza omosessuale, e guai se un uomo mostra di apprezzarlo, perché in pieno stile terza media viene subito accusato di essere gay.
        Ancora il male gaze: l’uomo che si fa guardare è per forza femminilizzato, perché di solito sono le donne a essere oggetto dello sguardo.
        E poi l’idea per cui se una donna è madre la sua sessualità si dovrebbe azzerare, sublimandosi nella maternità (il corollario è questo ucciderebbe i matrimoni perché le donne non sarebbero più interessate ai loro mariti. Magari invece la realtà è che un bambino è stancante, non ci si arriva mai preparati e ci si deve adattare a cambiamenti radicali nella propria vita, ed è ovvio che il sesso passi in secondo piano se dormi solo due ore per notte fra un pianto e una poppata al seno).

  6. Concordo specialmente con la prima parte , in effetti l’idea di una donna che si masturba non viene in mente neanche ad uno aperto mentalmente , be un uomo etero certo che può apprezzare del nudo maschile come vale il contrario , io ho parlato di omosessualità solo perché mi ricordavo che in una mostra sulla nudità maschile fra i temi trattati c’era anche quello del omosessualità, be il desiderio sessuale è ancora presente non basta essere madri per toglierlo sicuramente crescere dei figli come fai notare giustamente tu è stancante e quindi il sesso passa in secondo piano.

  7. Oltretutto noi occidentali ci consideriamo come paesi avanzati sotto tutti i punti di vista specialmente per quanto riguarda quello dei diritti , quindi dovremmo considerare i diritti gay come un valore aggiunto non come una cosa che ne toglie alle famiglie tradizionali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...