Federico Barakat ucciso dal padre e il ruolo dei servizi sociali

Il solo fatto che il padre di Federico Barakat si sia presentato all’incontro con suo figlio armato di pistola e coltello dimostra la premeditazione, e quindi la fondatezza delle ripetute denunce della madre di Federico. Il fatto che nessuno si sia accorto del fatto che l’uomo fosse armato dimostra inoltre che i pregiudizi offuscano la realta’ in modo inaccettabile.
Questa vicenda merita la massima attenzione.

DonnexDiritti

Federico Barakat Federico Barakat

da 27esimaora.corriere.it

di Luisa Betti

Federico Barakat è stato ucciso a otto anni dal padre nelle stanze dei Servizi sociali di San Donato Milanese durante un incontro protetto, colpito prima con una pistola e poi con 24 coltellate senza che nessuno fosse presente e in grado di proteggerlo malgrado fosse in affidamento ai servizi sociali e malgrado gli incontri fossero vigilati. Era il 25 febbraio del 2009 e Federico era in quelle stanze perché un provvedimento del tribunale dei minori aveva deciso che il piccolo dovesse incontrare il padre malgrado fosse stata la madre, Antonella Penati, a rivolgersi al tribunale dei minori per la richiesta di decadenza della podestà paterna dopo che il suo ex era ricomparso dal nulla con la pretesa di avere con sé il bambino anche con la minaccia. Ma “per la tutela dello sviluppo del minore e del suo bisogno di crescita” – come…

View original post 2.261 altre parole

7 pensieri su “Federico Barakat ucciso dal padre e il ruolo dei servizi sociali

  1. Questa vicenda fa vedere platealmente come il sistema in questo caso abbia fallito, e poi qualcuno avrebbe dovuto controllare il fatto che fosse armato.

    • Cristina Obber ha scritto un post sul suo blog in cui diceva, in sintesi, che è una beffa chiamarli “incontri protetti” se poi a conti fatti le istituzioni non sono in grado di fornire alcuna protezione. E ha ragione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...