I veri pericoli che corrono i bambini

Oggi scendono in piazza quelli che protestano contro qualcosa che non hanno letto, né tantomeno capito.
Oggi scendono in piazza quelli che protestano contro uno spauracchio inventato da loro stessi.

il ricciocorno schiattoso

Al grido di “Difendiamo i nostri figli, no gender!” (che a me ricorda altri ridicoli slogan del nostro non troppo lontano passato)

Pivato1oggi scendono in piazza, a guidare la manifestazione:

il neurochirurgo Massimo Gandolfini, vicepresidente dell’Associazione “Scienza & Vita”, Simone Pillon, consigliere nazionale del Forum delle associazioni familiari, Toni Brandi, direttore della rivista “Notizie Pro Vita”, la giornalista e scrittrice Costanza Miriano, il portavoce della “Manif Pour Tous” Italia Jacopo Coghe, il magistrato cattolico Alfredo Mantovano, l’onorevole Gian Luigi Gigli, nuovo presidente del Movimento italiano per la vita e Mario Adinolfi, direttore de “La Croce”.

Con loro anche il ‘Comitato parlamentari per la famiglia‘ che comprende circa 100 fra senatori e deputati di diversi partiti uniti contro l’equiparazione delle unioni omosessuali al matrimonio, l’utero in affitto e l’ideologia del gender.

Giova ricordare che l’ideologia del gender non esiste:

Con questa categoria, usata in modo fecondo…

View original post 1.768 altre parole

Annunci

12 pensieri su “I veri pericoli che corrono i bambini

  1. Allora secondo me i critici fanno molta confusione mischiando cose molto diverse fra loro , un conto è l’educazione sessuale cosa che serve assolutamente che ovviamente va spiegata a una certa età , un conto sono i libri che parlano delle famiglie arcobaleno (anche se nel educazione sessuale è normale che si parli dei Gay) e un altra cosa sono gli studi di genere , questi ultimi se io ho capito bene si occupano delle differenze fra sesso e gender, mentre il sesso è una cosa biologica o sei uomo o donna (tralasciamo le persone transgender almeno per il momento) mentre invece il gender che sono tutti i comportamenti le credenze e gli stereotipi sugli uomini e sulle donne date dalla famiglia dalla scuola dagli amici quindi dalla società , per esempio il fatto che i ragazzi devono giocare con i soldatini e con le macchinine e con le figurine e con le console mentre le ragazzine con le bambole e con le cucine e con i bambolotti , oppure il fatto che deve essere l’uomo a portare la donne a cena accompagnandola lui e pagando lui ,gli esempi che potrei fare sono infiniti ma penso di aver reso il concetto.

    • Esatto. Fra l’altro gli studi di genere sono studi scientifici di livello almeno universitario, parlare a dei bambini delle elementari di differenze fra sesso e genere è impossibile. Nessuno vuole portare questi concetti nelle scuole, ma solo far capire che la diversità è normale e tutti i modi di essere sono giusti. Mi domando se chi confonde questi tre piani abbia mai letto i libri che critica, tipo “Piccolo Uovo”.

      • Oltretutto anche rimanendo in un ambito esclusivamente eterosessuale le cose potrebbero essere molto diverse, come per esempio una famiglia dove è la madre a lavorare mentre il padre si occupa dei figli e delle faccende di casa , dove magari il padre è una persone dolce e sensibile a cui piace cucinare e il giardinaggio ,che magari a uno splendido rapporto con la figlia e la lascia relativamente libera di frequentare i ragazzi e cosi via.

      • Quello che i difensori della famiglia tradizionale vogliono è che al sesso biologico del padre e della madre corrispondano i ruoli sociali classici di padre e di madre. Secondo loro ciò è una garanzia di stabilità della società.
        Ma, a parte il fatto che questo resta da dimostrare, forse ci sono cose più importanti della stabilità: la libertà di essere, la felicità, la spontaneità.

      • Oltretutto che ci sarebbe di male in una donna che a le stesse libertà di comportamento degli uomini , tipo una donna di 20 anni che le piace vestirsi sexy e scollata(ovviamente nei posti consoni) che come gli uomini guardi porno e si masturbi , che magari abbia a casa dei sex toys (sentito di una donna che testa sex toys e li recensisce lavora solo 7 ore a settimana a guadagna al anno 20/25 mila euro orgasmi e lavoro una donna del genere ha tutta la mia ammirazione) che faccia sesso con più uomini, o sentivo di una donna che aveva fatto del sesso con 2 uomini in un vicolo ed era stata ripresa e lei si è difesa dicendo “perché criticate me e non i ragazzi e poi non sono orgogliosa di quello che ho fatto ma neanche vergognarmi”perché invece la società non permette ce se ne vanti anzi ha provato una cosa nuova ,e poi più una donna è disponibile più uomini andranno a letto con lei quindi anche i maschietti dovrebbero essere contenti non capisco il concetto di ragazza facile posso capire se lei tradisca o se va con uomini fidanzati o sposati allora si ma se no la critica no , cosi come non ha senso che si siano tabu sul sesso anale o orale ,la donna dovrebbe essere giudicata come un uomo , tanto oltre alle differenze fisiche alle mestruazioni e alla possibilità di rimanere incinta e al fatto che alle donne piacciono gli uomini(mettiamo da parte le lesbiche e le bisessuali) non c’è qualcosa di caratteriale prettamente femminile al massimo l’attacamento hai figli ma questo nella parte iniziale ci sono anche madri che si comportano male nei confronti dei figli, oltretutto questi cultori della famiglia tradizionali mi sa che non vedono neanche di buon occhio una famiglia dove il padre o la madre siano bisessuali (cosa che è completamente nascosta dalla narrazione e dai media ma ci saranno famiglie cosi dove al marito piacciono pure gli uomini e alla moglie piacciono pure le donne ma ancora questo è un tabu specialmente per quanto riguarda la bisessualità del uomo)

      • Fare le recensioni di sex toys dev’essere altrettanto bello che essere un critico gastronomico.
        Molti tradizionalisti negano tout court l’esistenza della bisessualità, perché significherebbe ammettere che l’orientamento sessuale può essere fluido. E hai ragione sul fatto che non si parla molto di bisessualità maschile. Forse è perché la bisessualità nelle donne è considerata una caratteristica molto eccitante, ma negli uomini no? Non so dirlo.

  2. Secondo me si divertono di più quelle che fanno le recensioni dei sexy toys che i critici gastronomici ma è una mia opinione,sul perché non si parla di bisessualità maschile mentre noi abbiamo più o meno un idea del uomo e della donna etero fra verità e stereotipi idem per quanto riguarda la donna bisessuale e la donna lesbica, la società non ha mai parlato molto del uomo bisessuale , il motivo fra i primi e che spesso le persone bisessuali non fanno coming out e stanno spesso con persone del sesso opposto e infatti spesso dagli omosessuali non sono visti di buon occhio per questo , oltretutto l’uomo bisessuale rompe schemi e stereotipi cioè tutti abbiamo in mente l’uomo etero e l’uomo gay ma questa via di “mezzo” no , cioè concepire un uomo che gli piacciono le donne e ci va a letto ma a cui piacciono pure gli uomini e ci va a letto , di certo un uomo bisessuale non sarà mai una persona sessista e misogino o uno che insulta le donne per la loro attività sessuale o almeno cosi credo ,perché alla fine a loro gli piacciono le stesse cose che piacciono alle donne e ai gay(con le dovute distinzioni) , cioè per la società è inconcepibile un uomo sia attivo che passivo se cosi possiamo dire cioè che fa e riceve sesso orale sia con gli uomini che con le donne , che fa e riceve sesso anale attivo e passivo sia con le donne che con gli uomini ,di certo non considera una donna una troia se fa sesso al primo appuntamento o se fa sesso orale o sesso anale la prima volta , e poi gli uomini bisessuali come i gay non hanno alcuni complessi che hanno le donne per quanto riguarda lo sperma durante il sesso orale e per quanto riguarda il sesso anale (che viene fatto da loro in larga parte) ,sul fatto se sia eccitante o no be un uomo bisessuale dovrebbe essere molto eccitante per una donna almeno cosi penso come per un uomo etero è molto eccitante avere una donna bisessuale , questo dovrebbe fare in modo di avere una complicità sessuale maggiore e magari di permettersi di confidarsi oltretutto potrebbe essere considerata anche una cosa divertente tipo la compagnia di un uomo bisessuale per scherzare potrebbe comprare caramelle o mentine a forma fallica(che vendono nei sexy shop) o fargli una torta a forma fallica giusto come scherzo.

      • Domanda molto interessante a me per esempio non farebbe ne caldo ne freddo ,non so tu come la prenderesti se una persona a te vicina,amico o ragazzo ti confidasse una cosa del genere ,per quanto mi e capitato di leggere online alcune donne son. Preoccupate che il loro uomo.poi va con altri uomini ma quella si chiama infedelta e non dipende dal orientamento sessuale ,oltre non vedo particolari preoccupazioni anche se magari per alcune donne questo potrebbe essere un. problema oltretutto penso che gli uomini che vanno con le transessuali penso si possano considerare bisessuali.

      • Il pregiudizio secondo cui i bisessuali sono sempre promiscui (o hanno sempre bisogno di avere due relazioni contemporaneamente, una con un uomo e una con una donna) è davvero assurdo.
        Se una mia amica o un mio amico mi dicessero di essere bisessuali, non avrei problemi: voglio loro bene come persone, non perché sono etero, quindi saperlo non mi cambierebbe nulla. Se me lo dicesse il mio ragazzo, gli farei qualche domanda del tipo: sono abbastanza per te? Perché saprei che comunque c’è una parte del suo universo erotico e sentimentale che non posso raggiungere, se è attratto anche dagli uomini.

      • Capisco se un bisessuale sceglie di stare con un uomo o con una donna poi è fedele a quella persona poi se tradisce tradisce come fanno gli etero ma non penso quello centri con la bisessualità , comunque penso che essa sia molto più diffusa di come appare , per molti psicologi solo il 10% della popolazione e al 100% etero o omosessuale ma il 90% è bisex solo che per bisex si intendono persone o che hanno un attrazione per uomini e donne in equal misura o persona che tendono maggiormente per una o per l’altra ,solo che per via della società le persona tendono a nascondere questi aspetti , del resto penso ci siano un sacco di persona uomini o donne che sia che nonostante si dichiarino completamente etero guardino video pornografici omosessuali del loro stesso sesso e di persone transgender ,io spero che un giorno non sia importante se uno sia etero o gay o bisessuale , uomo donna o trans del resto un rapporto sessuale o una relazione se sono consenzienti e fra adulti sono cose normali.

      • Non sono un’esperta di teoria queer o comunque delle varie teorie sulla sessualità, ma grazie per le informazioni. Condivido il tuo auspicio, ma siamo lontani da quel punto: spesso manca anche il basico riconoscimento della legittimità delle identità diverse da “etero” e (nei casi migliori) “gay/lesbica”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...