Questioni demografiche e questioni di genere: Asia

Per Doppio Standard proseguo la mia serie di post focalizzati sull’intreccio fra demografia e questioni di genere, a riprova del fatto che le questioni relative ai diritti delle donne hanno un impatto che si espande come cerchi nell’acqua finendo per toccare ogni tematica sociale rilevante. Non potrebbe essere diversamente, visto che le donne sono il 51% della popolazione mondiale…un rapporto che proprio in Asia risulta squilibrato.

NOTA: Tutti i dati e le citazioni virgolettate sono tratti da “Demografie” (2011) di Giuseppe A. Micheli, professore di Demografia presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

L’Asia è un continente in transizione, con molta diversità fra le situazioni nazionali dei Paesi che la compongono, ma anche rilevanti tratti comuni. Il primo è lo sviluppo economico: il tasso medio di crescita del PIL fra 1986 e 2006 è stato del 2,5%, e nonostante i rallentamenti dovuti alla crisi, il trend di crescita non si è interrotto nemmeno in anni più recenti. Questo ha due conseguenze: “Lo sviluppo economico […] ha ridotto la povertà, anche se sono ancora quasi due miliardi le persone che vivono con meno di due dollari al giorno e se, nonostante tutto, le disparità interne si sono acutizzate – fra aree rurali e urbane, fra aree centrali e remote, fra maggioranze e minoranze etniche”.

Inoltre, il…

View original post 1.061 altre parole