Le letture di LadyMismagius

Sono sempre stata un’avida lettrice, e condividere i libri che ho amato, nella speranza che qualcun altro possa scoprirli, mi riempie di gioia. Non mi propongo di scrivere schede libro o recensioni, ma di raccontare i libri e il perché li ho scelti, le riflessioni che hanno suscitato in me, le frasi che sento il bisogno di trascrivere e così via.

Leggere un libro è sempre un’esperienza, da cui sia il lettore che il libro stesso escono trasformati. Le pagine impercettibilmente logorate dall’uso, magari qualche macchia (capita…), orecchie che ricordano i passi più intensi, sottolineature se stavamo studiando qualcosa di importante. Io colleziono citazioni, se un libro mi avvince le frasi più belle finiranno incorniciate in una nuova voce di Wikiquote, o aggiunte come di sfuggita in una già esistente, facendo crescere l’antologia granello dopo granello: è un lavoro che mi fa sentire in contatto con lo spirito più profondo delle parole, quando si slegano dal testo e diventano frammenti assurti all’universale, frasi eterne e senza tempo, che vibrano in modo differente nel cuore di ognuna delle persone che le leggeranno, distanziandosi da quello che pensava l’autore e divenendo così un patrimonio comune di tutti.

Ho già trascritto un paio di poesie in questo blog, e visto che non posso copiare interi libri vorrei mettere a disposizione di tutti quello che io ho visto in quei libri. è un obiettivo ambizioso? Spero di riuscirci.

Finora ho scritto di…

Narrativa:

– Steampunk, e in particolare di Leviathan di Scott Westerfeld
– Steampunk II: Mortal Engines, centrato su Macchine mortali di Philip Reeve

Saggistica:

– Sii Bella e Stai Zitta di Michela Marzano
– Materia Sacra di Ugo Fabietti
– Clic! Grillo, Casaleggio e la demagogia elettronica di Alessandro dal Lago
– Bibliografia (in continuo aggiornamento). Questo non è un post che parla di un libro, ma una lista dei saggi sul femminismo e le questioni di genere da cui deriva, sulla base dei quali ho elaborato, il mio punto di vista sull’argomento.

Biografie:

– Siria Mon Amour di Amani El Nasif e Cristina Obber
– Il mio corpo mi appartiene di Amina Sboui

Ci sono poi altre opere di saggistica cui ho dedicato lunghe serie di post di riassunto e commento, come ausilio durante la preparazione di esami universitari o per piacere di condividere gli approfondimenti che queste opere mi hanno dato. In particolare, finora ho svolto questo lavoro su:
Guerra alle donne di Michela Ponzani, un saggio sul ruolo delle donne nella Resistenza al nazifascismo in Italia, e al modo in cui questo ruolo è stato oggetto di rappresentazioni e discorsi nel periodo successivo;
Il cattivo tedesco e il bravo italiano di Filippo Focardi, un saggio sulla costruzione di questi due stereotipi nel secondo dopoguerra, come strumento di legittimazione del nuovo Stato repubblicano e presa di distanza dal fascismo;
– La donna in una società sessista. Alle origini della dipendenza femminile, a cura di Vivian Gornick e Barbara K. Moran, raccolta di saggi di teoria femminista anglosassone degli anni ’70, con particolare riferimento alla costruzione sociale delle differenze di genere;
Medioevo Maschio, di Georges Duby, un’analisi della condizione della donna nel Medioevo in Francia, in cui l’autore mette in relazione le strutture di parentela, il ruolo della Chiesa intesa sia come centro di potere sia come elaborazione dottrinale, le strutture economiche e giuridiche legate alla proprietà, i modi di produzione, il modo in cui l’aristocrazia difendeva i propri interessi nella successione, la cultura dell’amor cortese, per definire la subordinazione delle donne come il prodotto dell’intersezione e del conflitto di tutti questi fattori;
Il dominio maschile, di Pierre Bourdieu, un saggio cruciale negli studi di genere, in cui uno dei più grandi sociologi del Novecento affronta i processi di costruzione e mantenimento di un ordine di genere gerarchico attraverso la differenziazione di maschilità e femminilità e delle sfere della vita sociale ad essi associate, portando al centro dell’analisi la nozione di androcentrismo, che permea le categorie cognitive con cui interpretiamo il mondo e deve quindi essere decostruita per permetterci di pensare oltre il patriarcato.

Annunci

6 pensieri su “Le letture di LadyMismagius

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.