Risorse di divulgazione scientifica: i miei punti di riferimento

Uno degli interessi che coltivo e che è riflesso dagli argomenti di questo blog è il modo in cui la conoscenza scientifica può arricchire la società, creando le basi per processi decisionali fondati su opinioni competenti, dando ai cittadini gli strumenti per riconoscere i fatti e le teorie su cui esiste il consenso degli esperti dalla disinformazione, fondata su teorie prive di fondamento e tali in modo dimostrabile. La divulgazione scientifica e la confutazione delle bufale sono due attività nobili e cruciali per proteggerci dalle distorsioni della verità, due attività che auspico di praticare nel mio futuro. Nel mentre, vorrei offrire ai miei lettori e a chi passa di qui per caso delle risorse di provata affidabilità a cui accedere per trovare divulgazione scientifica di qualità su vari argomenti, in forme gratuite e non, legate ad autori che apprezzo. Tutti i libri consigliati qui sono libri che ho letto (e no, Amazon non mi paga per i link: sono io che credo nell’ebook come mezzo per ridurre i costi della lettura e il consumo di carta, e faccio riferimento a un servizio che uso. Tutti i libri linkati sono libri che, a meno che non siano in download gratuito, ho comprato e pagato) e l’elenco è suscettibile di ampliamento man mano che anche la mia formazione su questo tema si fa più vasta e approfondita.

Roberto Burioni. Professore di virologia e punto di riferimento per la confutazione di bufale in ambito medico, soprattutto per quanto riguarda i vaccini. I suoi articoli di divulgazione medica, i suoi libri e i suoi scritti si possono trovare su:

  • Medical Facts, il portale di informazione medica su argomenti quotidiani, i cui collaboratori sono tutti professionisti: scienziati, medici, professionisti sanitari, con rigorosa indicazione delle fonti. Dal coronavirus ai vaccini, passando per problemi come la celiachia, la nutrizione, l’attività fisica e le malattie più comuni, le schede informative di Medical Facts sono accessibili e rigorose;
  • Medical Facts di Roberto Burioni, la pagina Facebook collegata al sito omonimo. Chi ha conosciuto il dottor Burioni per i suoi post aspri e secchi contro gli antivaccinisti rimpiangerà la mancanza del suo stile polemico e sferzante, ora che la pagina si è orientata più verso la divulgazione professionale, ma se preferite leggere le notizie su Facebook, vale la pena seguirla.
  • La congiura dei somari è un bel saggio divulgativo in cui il dottor Burioni spiega come funziona il principio di competenza nella scienza, come funziona il cammino della scienza e perché il fatto che la conoscenza scientifica sia imperfetta e fallibile non significa che non sia valida, gli errori nel funzionamento del nostro cervello che ci inducono a non interpretare correttamente le informazioni e il modo in cui invece nella scienza l’affidarsi alla matematica e al controllo da parte della comunità scientifica riduce questi errori, mettendo tutti questi argomenti in relazione con le critiche di chi, non sapendo come funziona la scienza, la mette in discussione. Una citazione: “La verità scientifica è qualcosa che si muove, cambia e si modifica in continuazione. In tutto il mondo, ogni giorno, centinaia di scienziati si impegnano con fatica per dimostrare che quello che si sa è incompleto, imperfetto, addirittura sbagliato. Ognuno di loro, in questo processo, sposta un centimetro più avanti la frontiera della conoscenza, che cresce continuamente e ci porta a sapere di più, e a potere di più. Per questo hanno gioco facile i Somari neo-oscurantisti quando dicono che tante verità scientifiche di un tempo si sono dimostrate false e che tante decisioni e terapie mediche che si basavano sulla scienza non erano corrette: perché hanno ragione“.

Beatrice Mautino. Di formazione biotecnologa, si occupa di divulgazione scientifica e di progettazione di mostre ed eventi dedicati alla scienza. Un suo interesse sono le bufale, le nozioni di senso comune e i miti che circolano intorno al mondo dei cosmetici, e purtroppo in quanto donna sono esposta a una quantità di queste ‘verità’ impressionante, che mi ha fatto capire che dal coltivare scetticismo sui prodotti che usiamo nella quotidianità al coltivare scetticismo sui farmaci e sulle indicazioni dei medici il passo è breve. Non prendete meno sul serio la disinformazione scientifica su argomenti di ‘minore’ importanza, perché si alimenta delle stesse retoriche del resto della disinformazione scientifica e contribuisce a creare lo stesso substrato di scetticismo e rifiuto della scienza. Dove potete leggere gli scritti di Beatrice:

  • La ceretta di Occam, il suo blog su Le Scienze, tratta appunto delle bufale che circolano in merito ai presunti danni di alcuni prodotti e ai presunti benefici di altri. Non viene aggiornato molto spesso, ma tutto il contenuto è interessante e si legge in modo gradevole e fluido.
  • L’ebook Stamina, una storia sbagliata (un numero speciale di Query, la rivista del CICAP) è disponibile gratuitamente su Amazon. Si tratta di una cronaca del caso Stamina che riassume tutte le informazioni disponibili e dettaglia i vari errori nella gestione della situazione. Si spera che il ‘metodo Stamina’ sia morto per sempre, ma casi analoghi possono sempre risorgere, e allora vale la pena prendere esempio dalla storia per individuare gli errori da non ripetere.
  • Il trucco c’è e si vede: Inganni e bugie sui cosmetici. E i consigli per difendersi è un saggio divulgativo in cui la dottoressa Mautino esplora i più diffusi miti sui cosmetici, chiarendo ad esempio perché non esistono prove del fatto che i parabeni siano cancerogeni, raccontando la storia della regolamentazione dei cosmetici negli USA all’epoca di Franklin Delano Roosevelt e come le regolamentazioni si sono evolute fino ad arrivare agli standard di oggi negli USA e nell’UE, come funzionano le certificazioni che vengono apposte sulle confezioni, spiegando come ragionare sulle soglie di rischio in relazioni alle quantità assunte di una data sostanza, confrontando le narrazioni relative ad alcuni prodotti con le liste degli ingredienti per spiegare cosa contengono e come funzionano realmente, descrivendo la psicologia alla base dei nomi commerciali degli ingredienti attivi, le retoriche pubblicitarie.

Dario Bressanini. Chimico, esperto delle proprietà chimiche degli alimenti e di come cucinare rispettandole, ha pubblicato tre manuali di cucina rivolti a chi vuole imparare perché le cose si fanno in un certo modo quando si preparano i dolci, la carne e le verdure. Ma i suoi interessi di divulgatore sono rivolti anche alle purtroppo numerosissime bufale che circolano sull’alimentazione, che come nel caso dei cosmetici sono orientate a demonizzare certi alimenti e certe tecniche di produzione e a divinizzarne altri. Potete trovare il suo lavoro qui:

  • La Scienza in Cucina. Secondo me il modo in cui Dario scrive è molto divertente, e io sono una persona che preferisce leggere con calma, perciò vi raccomando prima il blog. Ci sono post (come quelli sulla biodinamica) in cui ho riso davvero fino alle lacrime e in cui ho imparato cose che ho potuto diffondere a mia volta nella mia famiglia.
  • Dario Bressanini su YouTube. Ma “il vostro amichevole chimico di quartiere” ha anche un canale YouTube dove lo si può seguire nel fare esperimenti, cucinare, mettere alla prova prodotti più o meno dubbi indagandone il presunto funzionamento, chiarire il contenuto di alimenti e bevande e riportare lo stato attuale della conoscenza scientifica su argomenti come certe diete, la celiachia, le intolleranze.
  • Pane e bugie: La verità su ciò che mangiamo. I pregiudizi, gli interessi, i miti, le paure è il primo libro che raccoglie gli articoli del blog La Scienza in Cucina. Attualmente fa parte dei libri che si possono leggere gratuitamente con l’abbonamento Kindle Unlimited, oppure è spesso scontato: se non vi piace leggere post lunghi (cosa ci fate qui? I miei sono lunghissimi!) ma preferite scorrere un ebook comodamente impaginato, qui troverete il vostro formato. Altrimenti, c’è sempre il cartaceo, o l’audiolibro gratuito per chi ha Audible.
  • Le bugie nel carrello: Per una spesa più consapevole. Le leggende e i trucchi del marketing sul cibo che compriamo. Il seguito del libro precedente, più corto ma altrettanto interessante. Sempre disponibile in tutti i formati sopra elencati.
  • Contro natura. Dagli OGM al «bio», falsi allarmi e verità nascoste del cibo che portiamo in tavola. Scritto con Beatrice Mautino, questo libro analizza nello specifico una serie di miti sull’alimentazione che hanno come filo conduttore il frame per cui ciò che è ‘manipolato’ dall’uomo è nocivo, mentre ciò che è ‘naturale’ è salutare e di qualità. Mostrando come questa narrazione oscuri completamente la storia del modo in cui l’umanità ha plasmato la natura per ottenere le piante e gli animali da cui dipende oggi il nostro sostentamento, dapprima attraverso la selezione artificiale e poi attraverso l’induzione di mutazioni, fino all’uso delle biotecnologie contemporanee, il libro ripercorre la storia di diverse colture: il grano, le carote, i girasoli, il riso, la colza, le mele. Uno dei miei libri di divulgazione scientifica preferiti in assoluto, lo consiglierei in tutti i licei scientifici e negli istituti tecnici agrari e alberghieri.

Salvo Di Grazia. Medico chirurgo, ginecologo, pioniere della divulgazione scientifica italiana su medicine alternative, pseudoscienza medica e del funzionamento del ‘lato oscuro’ della comunità scientifica (i convegni fittizi, le riviste scientifiche truffaldine), è stato il mio primo punto di riferimento su molte questioni, incluse omeopatia e antivaccinismo, ben prima che Burioni divenisse un astro sfolgorante della divulgazione, quando occuparsi di queste cose era ‘di nicchia’. Lo potete trovare qui:

  • MedBunker. Un archivio vastissimo di informazione medica e scientifica, con la confutazione approfondita di pseudoscienze e disinformazione che circola nei meandri dell’Internet, nutrita da un culto ristretto di fan: il ‘metodo Di Bella’, il ‘metodo Simoncini’, le ‘cure alternative’ per il cancro. Ci si può perdere per ore in questo blog e uscirne con la mente piena zeppa di informazioni affascinanti (e un odio profondo per l’omeopatia).
  • Salute e bugie: come difendersi da farmaci inutili, cure fasulle e ciarlatani. Anche il primo libro del blog MedBunker è disponibile gratuitamente con l’abbonamento Kindle Unlimited ed è spesso in offerta lampo su Amazon. Come nel caso dei libri di Dario Bressanini, raccomando il libro a chi preferisce avere sempre con sé le informazioni, a chi ama leggere con un’impaginazione diversa da quella di un blog e, naturalmente, a chi vuole supportare l’autore con i ricavi del libro. In questo libro potete trovare informazioni su alcuni prodotti in vendita nelle farmacie la cui efficacia è pressoché zero, sull’effetto placebo, su alcuni casi famosi di cattiva scienza, una ricostruzione della nascita dell’antivaccinismo, un approfondimento sul perché l’omeopatia non funziona e non ha alcun fondamento scientifico, informazioni sul Reiki e sui fiori di Bach, sull’agopuntura, sulla dentosofia e su altre pratiche variamente esoteriche e invariabilmente infondate, sulle diete ‘miracolose’, sulle ‘cure’ contro il cancro di dubbia provenienza (cartilagine di squalo, veleno di scorpione, vitamina B17).
  • Medicine e bugie. Il business della salute: come difendersi da truffe e ciarlatani è il secondo libro estratto dai contenuti del blog. Come il precedente, è gratuito con Unlimited e torna spesso nelle offerte. Qui troverete informazioni attendibili su integratori alimentari, prodotti ‘miracolosi’, il concetto di rischio in relazione agli screening per certi tumori, farmaci truffaldini e ‘Nobel che sbroccano’, ‘cure alternative’ come cristalloterapia, omeopatia, collanine d’ambra, come funzionano le case farmaceutiche e dove è giusto fidarsi e dove invece è giusto coltivare un razionale scetticismo, una spiegazione interessante di come funziona il metodo scientifico applicato alla medicina e il processo di test di un nuovo farmaco, come operano i ciarlatani e i truffatori, qual è il cammino della scienza medica nella storia e quali risultati ha raggiunto.