Trend nella fecondità a livello mondiale: uno sguardo al passato e uno al futuro

Dopo una pausa dovuta agli esami, ritorno sul blog interrompendo la serie di post dedicata a Representations di Stuart Hall (che proseguirà non appena avrò tempo in modo stabile, perché il lavoro di traduzione e rielaborazione del testo nei post richiede una certa continuità) per dedicare attenzione a un argomento su cui ci sono state estese discussioni nei commenti a vari post, e che ritengo meriti di essere affrontato in modo sistematico, ricorrendo ai dati. Si tratta del problema della sovrappopolazione, destinato a giocare un ruolo cruciale sia nelle possibilità dell’umanità di realizzare uno sviluppo sostenibile per tutto il mondo e di contenere il cambiamento climatico, sia nelle dinamiche geopolitiche, sia nei flussi migratori. Un problema che ci deve riguardare tutti perché, anche se coinvolge principalmente l’Africa sub-sahariana e altre aree in via di sviluppo, sono necessari investimenti di risorse anche da parte dell’Occidente per agire in modo costruttivo su queste dinamiche, proteggendo al contempo i diritti umani e l’emancipazione delle donne verso la parità di genere.

In questo lungo intervento, che condensa un lavoro più vasto svolto durante il corso di statistica demografica, mi concentro solo su un aspetto del problema, il numero medio di figli per donna e l’accesso alla contraccezione. La questione è molto più ampia e complessa, ma credo che ogni problema sia più facile da analizzare se viene scomposto nei suoi aspetti e li si osserva uno per uno. I dati sono tratti da: World Fertility Report 2015 (WF2015) e World Fertility and Family Planning 2020: Highlights (WFFP2020), entrambi a cura del Department of Economic and Social Affairs – Population Division delle Nazioni Unite. Ho scelto questi report perché sono quelli su cui ho lavorato nel corso di statistica demografica, ma il secondo report, più recente, conferma la validità delle analisi del primo alla luce dei nuovi dati (e comunque, le dinamiche demografiche non sono fenomeni che cambiano repentinamente e drasticamente in soli cinque anni).

1. Il numero medio di figli per donna nel mondo: dal 1950 al 2015

I dati contenuti nel World Fertility Report 2015 sistematizzano le informazioni sullo stato della transizione demografica (il passaggio da alti livelli di fecondità e alti livelli di mortalità a bassi livelli di fecondità e bassi livelli di mortalità) per le varie regioni del mondo e le applicano nella proiezione dei livelli di fecondità attesi per la fine del ventunesimo secolo. A livello mondiale, il declino della fecondità è iniziato negli anni ’50 con il calo del numero medio di nascite per donna da 5,0 a 4,5, raggiunto entro il 1970-1975, anche se 2/3 dei Paesi del mondo a quella data avevano ancora un numero medio di nascite per donna superiore a 4; in questo arco temporale, 13 nazioni sono scese sotto il livello di rimpiazzo (2,1 figli per donna), e in 67 nazioni si è registrato un aumento della fecondità. Nel periodo compreso fra gli anni ’70 e il 2010-2015, il numero medio di nascite per donna è sceso da 4,5 a 2,5. Osservando i dati per le varie regioni del mondo, si ha che:

  • Il livello di partenza per l’Asia era di 5,1 nascite per donna, quello di arrivo 2,2;
  • Il livello di partenza per l’America Latina e i Caraibi era di 5,0 nascite per donna, quello di arrivo 2,2;
  • Il livello di partenza per l’America Centrale era di 6,5 nascite per donna, quello di arrivo 2,4;
  • Il livello di partenza per l’Africa era di 6,7 nascite per donna, quello di arrivo 4,7: se per i Paesi della regione settentrionale del continente e di quella meridionale il declino è stato pari a 3,1 nascite per donna, nella regione orientale è stato pari a 1,3 e in quella occidentale a 2,2. Nella regione centrale del continente, il calo è stato di solo 0,5 nascite per donna, e questa regione ha tutt’ora il livello di fecondità più elevato del mondo, pari a 5,8 nascite per donna.
  • Le regioni ad alta fecondità dell’Oceania sono partite da un livello di 5,6 nascite per donna e hanno raggiunto un livello di 3,2; Australia e Nuova Zelanda, già prossime al livello di rimpiazzo negli anni ’70, hanno comunque vissuto un declino pari a 0,7 nascite per donna.
  • Europa e Nord America, anch’esse già al livello di rimpiazzo negli anni ’70, hanno vissuto un ulteriore declino nei tassi di fecondità.

    Numero medio di figli per donna nelle macro-aree del mondo, dal 1950 al 2015

Il livello mediano di fecondità totale era di 5,5 nascite per donna negli anni ’70, il che significa che metà delle nazioni del mondo aveva un livello più elevato e l’altra metà un livello meno elevato. Questo valore è sceso a 2,3 nascite per donna nel 2010-2015, con un declino mediano di 3,2 nascite per donna.

Concentrandosi sul continente africano, la situazione è frutto dell’aggregazione di situazioni diverse nelle varie aree del continente: se per i Paesi della regione settentrionale e di quella meridionale il declino è stato pari a 3,1 nascite per donna, nella regione orientale è stato pari a 1,3 e in quella occidentale a 2,2. Nella regione centrale del continente, il calo è stato di solo 0,5 nascite per donna, e questa regione ha tutt’ora il livello di fecondità più elevato del mondo, pari a 5,8 nascite per donna. Il declino nei tassi di fecondità totali è attribuibile al Nord Africa (50%), seguito dalla regione orientale del continente (30%) e da quella meridionale (15%, quasi tutto dovuto al solo Sudafrica), mentre nelle regioni occidentale e centrale i cambiamenti sono stati marginali. L’Africa subsahariana ha vissuto, fra gli anni ’70 e il 2010-2015, un declino di 1,7 nascite per donna, di cui il 50% dovuto alla regione orientale e il 25% a quella meridionale. Sudafrica, Etiopia, Kenya e Tanzania sono responsabili da soli di più del 50% del declino complessivo della fecondità registrato in Africa subsahariana in questo periodo.

Negli anni ’70 solo 20 nazioni avevano tassi di fecondità al di sotto del livello di rimpiazzo, 19 delle quali si trovavano in Europa e Nord America: nel 2010-2015, questo numero era salito a 83 nazioni, che attualmente ospitano il 46,4% della popolazione mondiale (era lo 0,1% negli anni ’50). Il 14% della popolazione mondiale vive in nazioni che hanno un tasso di fecondità pari o superiore a 4 nascite per donna: questo valore era del 70% negli anni ’70.

Distribuzione, in base al numero medio di figli per donna, della popolazione mondiale (percentuale) e del numero di Stati

Nel 2010-2015, su 201 Paesi, 88 avevano completato la transizione demografica e 44 si trovavano nello stato finale del processo (tasso di fecondità compreso fra il livello di rimpiazzo e 3,0 nascite per donna), mentre 35 si trovavano nella fase di mezzo del processo (tasso di fecondità compreso fra 3,0 e 4,5 nascite per donna) e 34 erano nella fase pre-transizionale o iniziale (tasso di fecondità superiore a 4,5 nascite per donna). La ripartizione nelle fasi è la seguente:

  • Hanno raggiunto un tasso di fecondità inferiore al livello di rimpiazzo tutte e 42 le nazioni europee e nordamericane, più 24 nazioni asiatiche, 18 latino-americane/caraibiche, 3 oceaniche e una africana (Mauritius);
  • Si trovano nella fase finale 16 nazioni latino-americane/caraibiche, 15 nazioni asiatiche, 10 nazioni africane (quasi tutte nel Maghreb) e 3 nazioni oceaniche;
  • Si trovano nella fase di mezzo del processo 15 nazioni africane, 9 nazioni asiatiche, 4 nazioni latino-americane/caraibiche, 7 nazioni oceaniche;
  • Si trovano ancora nella fase pre-transizionale o all’inizio della transizione 31 nazioni dell’Africa subsahariana, più Afghanistan, Iraq e Timor Est.

Solo il 20% degli Stati africani ha raggiunto o superato lo stato finale della transizione demografica, mentre la percentuale sale al 50% degli Stati oceanici, al 75% di quelli asiatici, al 90% di quelli latino-americani/caraibici e al 100% degli Stati nordamericani ed europei.

La proiezione medium-variant per il 21esimo secolo del tasso di fecondità prevede un declino graduale da 2,51 nascite per donna nel 2010-2015 fino a 2,25 nel 2045-2050, per arrivare a 1,99 nascite per donna nel 2095-2100. Anche in questo caso, è più interessante considerare le diverse traiettorie prospettate per le diverse aree del mondo:

  • Per l’Asia, le proiezioni sono da 2,20 nascite per donna nel 2010-2015 a 1,83 nel 2095-2100;
  • Per l’Oceania, le proiezioni sono da 2,42 nascite per donna nel 2010-2015 a 1,87 nel 2095-2100;
  • Per l’America Latina e i Caraibi, la traiettoria è diversa: partendo da 2,15 nascite per donna nel 2010-2015, scenderanno a 1,77 verso il 2055 per poi risalire leggermente a 1,80 nel 2095-2100;
  • Per l’Europa, attualmente al di sotto del livello di rimpiazzo con 1,60 nascite per donna, l’aspettativa è di una ripresa fino a 1,86 entro il 2100;
  • Per il Nord America, attualmente al di sotto del livello di rimpiazzo con 1,86 nascite per donna, la proiezione è di una ripresa più modesta di quella europea, che porterà a 1,92 entro il 2100;
  • L’Africa ha una situazione più complessa con un numero medio di figli per donna attualmente a 4,71, ma l’aspettativa è che esso scenda a 3,11 entro il 2050 e scenda ulteriormente a 2,16, attorno al livello di rimpiazzo, entro la fine del secolo. L’aspettativa è che la transizione demografica avvenga con un passo molto più lento di quelli osservati finora, impiegando 85 anni (rispetto ai 42 dell’Asia e ai 36 dell’area latino-americana/caraibica).
Traiettorie di declino della fecondità nelle diverse macro-aree del mondo, proiezione al 2100

Secondo le proiezioni, il numero di nazioni al di sotto del livello di rimpiazzo, attualmente di 86, sarà di 135 entro il 2050 e di 180 (il 90% dei Paesi) nel 2100. Questo significa che la proporzione di popolazione che vive in Paesi al di sotto del livello di rimpiazzo salirà dal 47% attuale al 70% nel 2050 e al 72% nel 2100. L’incremento è relativamente minore perché una proporzione più grande della popolazione mondiale vivrà nei Paesi rimanenti che non sperimenteranno una caduta al di sotto del livello di rimpiazzo nel corso del ventunesimo secolo, ma la cui popolazione continuerà a crescere: entro il 2100, il tasso di fecondità di 21 Paesi resterà sopra il livello di rimpiazzo e la loro popolazione complessiva crescerà da 1,5 miliardi di persone nel 2050 a 3,2 miliardi nel 2100.

Il passaggio da un tasso di fecondità totale di 6,0 nascite per donna a uno di 4,0 ha impiegato 24 anni nell’Est e nel Sud-Est asiatico, 19 nei Paesi del Maghreb e dell’area islamica, 35 in Oceania, e ne richiederà 34 nell’Africa subsahariana (dal 1995 al 2029). Questa regione ospita inoltre 33 dei 36 Paesi del mondo che nel 2019 registravano un TFT superiore a 4 nascite per donna. “La crescita futura della popolazione nell’Africa subsahariana è fortemente dipendente dalla traiettoria della fecondità futura. Tuttavia, la maggior quota della crescita della popolazione che accadrà tra oggi e il 2050 nel Centro-Sud dell’Asia è trainata dalle strutture per età relativamente giovani della popolazione e accadrebbe anche se i tassi di fecondità dovessero scendere immediatamente a due figli per donna nell’arco di una vita” (WFFP2020, pag. 10).  Inoltre, fra il 2010 e il 2019, i sette Paesi che hanno registrato una riduzione maggiore del tasso di fecondità totale, secondo le stime, sono stati, in ordine: Afghanistan, Uganda, Malawi, Sierra Leone, Etiopia, Yemen, Kenya, Chad, Giordania e Somalia: tre Paesi dell’area mediorientale e sette dell’Africa subsahariana.

Proiezioni della crescita della popolazione nelle diverse macro-aree del mondo, fino al 2100

2. L’uso di contraccettivi nel mondo

A livello mondiale, nel 2019 il 49% delle donne in età riproduttiva, ovvero 922 milioni di donne, stava utilizzando una qualche forma di contraccezione. Si tratta di un aumento di 7 punti percentuali rispetto al 1990, equivalenti a 368 milioni di donne in più. Il numero di Paesi in cui i contraccettivi sono attualmente in uso da parte di più del 55% della popolazione femminile in età riproduttiva è di 37, mentre all’opposto il numero di Paesi in cui essi sono utilizzati da meno del 20% della popolazione femminile in età riproduttiva è di 23. Osservando i dati per regione del mondo, abbiamo che:

  • L’uso di metodi contraccettivi fra le donne in età riproduttiva in Africa subsahariana è passato dal 13% del 1990 al 29% del 2019;
  • Per l’Oceania, il passaggio è stato dal 20% al 29%;
  • Per il Nord Africa (Maghreb) e l’Asia occidentale (Medio Oriente) il passaggio è stato dal 26% al 34%;
  • Per l’America Latina e i Caraibi, il passaggio è stato dal 40% al 58%.

Le regioni più sviluppate (Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda, Est e Sud-Est asiatico) partivano nel 1990 da prevalenza contraccettiva fra le donne in età fertile superiore al 50%, e in tutte queste aree si è raggiunto o superato un valore del 58%.

Distribuzione dei tipi di contraccettivi usati dalle donne nelle diverse macro-aree del mondo

Il 91% delle utilizzatrici di contraccettivi nel 2019 utilizzava metodi moderni, una quota pari al 45% delle donne in età fertile; era l’86% nel 1990, il che ha una contropartita nel declino nell’uso dei metodi tradizionali, che erano utilizzati dal 6% delle donne nel 1990 e sono utilizzati oggi dal 4%. Questo dato è importante perché “Nei Paesi o nelle aree dove l’uso di metodi contraccettivi è superiore al 50%, la maggioranza delle donne impiega metodi moderni. A livelli più bassi di utilizzo, c’è una maggiore diversità fra l’uso di metodi moderni e l’uso di qualsiasi metodo, il che dimostra che in tali circostanze le donne fanno affidamento più spesso sui metodi contraccettivi tradizionali per evitare le gravidanze indesiderate” (WFFP2020, pag. 14).

Il report mette in evidenza anche un fatto che connette le diverse velocità e i diversi progressi nella transizione demografica dell’Africa sub-sahariana rispetto ad altre aree del mondo partite da posizioni simili: “L’elevata proporzione di donne che usano metodi di lunga durata e permanenti nell’Est e nel Sud-Est asiatico, nell’America Latina e nei Caraibi, e nel Centro e Sud dell’Asia (United Nations, 2019c) aiuta a spiegare perché livelli bassi di fecondità sono stati raggiunti in queste regioni. Nell’Africa sub-sahariana il mix di metodi contraccettivi tende verso i metodi a breve termine (che includono le iniezioni contraccettive, la pillola, il profilattico maschile, i metodi basati sul controllo del ciclo mestruale e il coito interrotto), il che aiuta a spiegare perché la fecondità continua a rimanere relativamente alta in quest’area” (WFFP2020, pag. 15). L’Africa sub-sahariana è inoltre la regione del mondo con il minor uso di metodi contraccettivi moderni, oltre al minor uso di contraccettivi nel loro complesso.

Relazione fra numero medio di figli per donna e uso dei contraccettivi

C’è una relazione inversa fra la prevalenza dell’uso di contraccettivi fra le donne e i livelli di fecondità. Anche qui però occorre notare la peculiarità dell’Africa sub-sahariana, per la quale a ogni livello di uso di contraccettivi si registrano livelli di fecondità più elevati rispetto alle altre aree del mondo. La relazione fra contraccezione e fecondità è mediata da numerosi fattori, fra cui: “Il mix di metodi contraccettivi utilizzati da una popolazione […], dato che […] i metodi a lunga durata e permanenti sono più efficaci degli altri nell’evitare le gravidanze indesiderate. L’incidenza dell’aborto, la durata del periodo infertile dovuto all’allattamento al seno e all’astinenza dai rapporti sessuali, i pattern nel matrimonio e nell’attività sessuale e la prevalenza della sterilità permanente nella popolazione” oltre a “i fattori sociali ed economici che influenzano l’accesso alla contraccezione e le scelte di fecondità (incluse le scelte sul numero, il distanziamento e la collocazione nella traiettoria biografica delle gravidanze)” (WFFP2020, pagg. 20-21). Nello specifico, il matrimonio o l’essere in una relazione stabile sono fattori che influenzano la fecondità perché le donne che sono parte di una coppia hanno livelli più elevati di attività sessuale rispetto alle single e quindi maggiore rischio di gravidanze. Anche la sterilità dovuta a cause naturali (incluse le malattie sessualmente trasmissibili) può rivestire un ruolo significativo, dato che in alcuni Paesi può affliggere il 30% delle donne in età riproduttiva. Un altro fattore che influenza la relazione fra contraccezione e fecondità è lo scopo per cui le donne usano i contraccettivi, ovvero se li utilizzano più per distanziare le nascite che per limitarne il numero. Il report nota che “molti programmi di family planning in Africa sub-sahariana sono stati promossi come programmi per il distanziamento delle nascite a favore della salute della madre e del neonato (Chimbwete e altri, 2005)” (WFFP2020, pag. 22).

L’incremento nell’uso dei contraccettivi nelle regioni ad elevata fecondità attuale produrrà un impatto significativo sulla fecondità nei prossimi anni, ed è un trend incorporato nelle proiezioni a lungo termine, che prevedono un continuo rallentamento nella crescita della popolazione globale. Tuttavia, queste proiezioni sono basate sul presupposto che i cambiamenti che risultano da “sviluppo economico, livelli più elevati di istruzione in particolare per donne e bambine, ulteriori riduzioni nella mortalità infantile, aumento dell’urbanizzazione, empowerment delle donne e crescita della partecipazione alla forza lavoro, posticipo dell’età della prima unione, ed accesso più esteso ai servizi di salute riproduttiva, incluso il family planning [fattori che] hanno trainato i declini nella fecondità passati e presenti” (WFFP2020, pag. 19, nota 17) continuino nel tempo, dato che le proiezioni sono modellate a partire dalla relazione fra la velocità del declino nella fecondità e il livello attuale di fecondità e quindi tengono implicitamente in considerazione tutti i fattori sopraelencati nel generare le traiettorie future della crescita delle popolazioni.

I progressi attesi entro il 2050 nelle diverse macro-aree del mondo

Nello specifico, l’espansione dell’accesso all’informazione e ai servizi legati alla salute sessuale e riproduttiva e al family planning può fare la differenza fra l’estremo superiore (3 miliardi di abitanti) e quello inferiore (4,8 miliardi) dell’intervallo di confidenza al 95% per la popolazione dell’Africa sub-sahariana, un divario di 1,8 miliardi di persone. Inoltre, gli sforzi devono essere intensificati in quest’area anche solo per mantenere i livelli di copertura contraccettiva attuali, stante il ritmo della crescita demografica. Oltre all’importanza legata alle traiettorie di sviluppo – non solo demografico – a livello macro, l’accesso ai servizi sanitari e la realizzazione dei diritti riproduttivi contribuiscono alla parità di genere e all’empowerment delle donne.

Oltre alla povertà, l’Africa sub-sahariana è una regione in cui la mortalità materna è elevata (una donna ogni 180, 20 volte il tasso dei Paesi sviluppati) e in cui le donne hanno meno istruzione, meno accesso al mercato del lavoro e meno accesso al potere politico rispetto agli uomini (Human Development Report, pag. 148). Com’è noto, le disuguaglianze di genere si traducono in una perdita di sviluppo umano, ma hanno un impatto anche sulla fecondità, in quanto contrastano con la traiettoria per la quale laddove le relazioni di genere all’interno della coppia sono più equilibrate, le donne hanno maggiori capacità di negoziare con il partner su questioni legate al family planning; inoltre, laddove le donne hanno accesso al mercato del lavoro formale, l’incompatibilità di quest’ultimo con una prole numerosa porta a una riduzione della fecondità. Un terzo sentiero che conduce alla riduzione della fecondità ed è correlato alla riduzione delle diseguaglianze di genere è quello che passa attraverso la riduzione della mortalità infantile e quindi alla sopravvivenza dei figli: la mortalità infantile si riduce laddove le donne hanno accesso a strutture sanitarie, ma anche a una migliore nutrizione per sé stesse e per i loro bambini, cosa che può essere ostacolata da pratiche che privilegiano gli uomini e si fondano sul presupposto che le donne abbiano bisogno di meno nutrimento (Human Development Report, pag. 159).

Stato delle disuguaglianze di genere nelle diverse macro-aree del mondo, rilevate su alcuni indicatori base di parità fra i sessi

L’emancipazione delle donne e l’avvicinamento alla parità di genere sono cruciali nel portare avanti la transizione demografica e alimentano lo sviluppo umano. Abbiamo bisogno di portare avanti questi processi se vogliamo che il nostro pianeta abbia una speranza di reggere la crescita della popolazione a fronte del cambiamento climatico.

#HeForShe: il discorso di Emma

Come ormai tutti sapranno, Emma Watson ha tenuto un discorso presso l’ONU per presentare, nel suo ruolo di Ambasciatrice di Buona Volontà, la campagna “#HeForShe” che si propone di coinvolgere gli uomini nelle lotte per la parità di genere sollecitando un loro impegno diretto, in prima persona. Al discorso sono seguite minacce di rendere pubbliche foto di nudo della giovane attrice da parte di anonimi – minacce che mostrano la volontà di svilire l’impegno intellettuale di una donna riducendola al suo corpo, alla sua sessualità (vedi Emma, you’re the next. Ma noi siamo a fianco a te) – ma anche polemiche da parte femminista (vedi Mai contente?) nel merito delle quali non voglio entrare qui perché la mia opinione l’ho già detta nei commenti del post linkato.

Nel mio post precedente ho parlato di quanto ritenga importante il fatto che siano donne famose, influenti e ammirate dalle giovani generazioni, a dichiararsi femministe e impegnarsi per la causa. La loro capacità di arrivare laddove le attiviste e le accademiche non possono, e anche il fatto che non corrispondano all’odioso stereotipo della femminista (poco attraente, acida, di mezza età è lo stereotipo “classico”, diciamo pure neutro, per cui la femminista è un’accademica, una studiosa; isterica, odiatrice di uomini, lesbica, invidiosa delle donne più attraenti, mascolina e pelosa è invece lo stereotipo “negativo”, quello più diffuso fra i maschilisti, che vorrebbero poter ricondurre il femminismo e le sue istanze a un semplice desiderio meschino di distruggere il potere sessuale delle altre donne) sono armi impareggiabili per la divulgazione del femminismo. Queste donne hanno un privilegio, e il fatto che lo usino per promuovere il femminismo è una cosa meravigliosa.

E poi il discorso di Emma Watson è un bellissimo discorso, con cui mi trovo perfettamente in sintonia (i grassetti sono miei, però).

Vostre eccellenze, Segretario generale dell’ONU, presidente dell’Assemblea Generale , direttore esecutivo di UN Women, distinti ospiti…

Oggi lanciamo una campagna chiamata #HeForShe. Mi sto rivolgendo a voi perché abbiamo bisogno del vostro aiuto. Vogliamo porre fine alla disparità di genere e, per farlo, abbiamo bisogno del coinvolgimento di tutti. Questa è la prima campagna nel suo genere all’ONU, vogliamo spronare tanti più uomini e ragazzi possibili ad essere dei sostenitori del cambiamento… e non vogliamo solo parlarne. Vogliamo assicurarci che sia tangibile.
Sono stata eletta ambasciatrice di buona volontà dell’UN Women sei mesi fa, e più ho parlato di femminismo e più mi sono resa conto che troppo spesso combattere per i diritti delle donne diventa sinonimo di odiare gli uomini. Se c’è una cosa che so con certezza è che questo deve finire. Per la cronaca, il femminismo per definizione è la convinzione che uomini e donne debbano avere pari diritti, pari opportunità. E’ la teoria dell’uguaglianza politica, economica e sociale dei sessi.

Ho cominciato a mettere in dubbio le supposizioni basate sul genere tanto tempo fa. Quando avevo 8 anni ero confusa dal fatto che mi definissero dispotica perché volevo dirigere le recite che allestivamo per i nostri genitori; ma ai maschi non succedeva. Quando a 14 anni, ho cominciato ad essere sessualizzata da certi elementi dei media. Quando a 15 anni, le mie amiche hanno cominciato ad abbandonare le squadre degli sport che amavano perché non volevano apparire muscolose. Quando a 18 anni, i miei amici [maschi, ndt] non erano capaci di esprimere i loro sentimenti… ho deciso che ero femminista e la cosa mi sembrava tutt’altro che complicata. Ma le mie ricerche più recenti mi hanno dimostrato che “femminismo” è diventata una parola impopolare. Le donne si rifiutano di identificarsi come femministe. A quanto pare, [io, ndt] sono tra le schiere di donne le cui parole sono percepite come troppo forti, troppo aggressive, isolanti e anti-uomini, persino non attraenti. Perché è diventata una parola tanto scomoda?

Provengo dalla Gran Bretagna e penso che sia giusto che io sia pagata tanto quanto le mie controparti maschili; penso che sia giusto che io sia in grado di prendere delle decisioni che riguardano il mio corpo; penso che sia giusto che le donne vengano coinvolte in mia vece [nella politica, ndt] in quelle decisioni che influenzeranno la mia vita; penso che sia giusto che socialmente mi sia garantito lo stesso rispetto che è garantito agli uomini. Ma sfortunatamente, posso dire che non c’è neanche una nazione al mondo in cui le donne possono aspettarsi di ricevere questi diritti. Nessuna nazione al mondo può dire di aver raggiunto la parità dei sessi. Considero questi diritti dei diritti umani.

Ma io sono una delle fortunate. La mia vita è un vero e proprio privilegio perché i miei genitori non mi hanno voluto meno bene perché sono nata femmina; la mia scuola non mi ha limitata perché ero una ragazza; i miei mentori non hanno presupposto che sarei andata meno avanti [nella vita, ndt] perché un giorno avrei potuto avere un figlio. Queste influenze, sono stati gli ambasciatori per la parità dei sessi che mi hanno resa chi sono oggi. Potrebbero non esserne consapevoli, ma sono quei femministi involontari che stanno cambiando il mondo oggi. Ne abbiamo bisogno in numero maggiore. E se ancora odiate la parola: non è la parola che è importante, ma l’idea e l’ambizione che ci sta dietro. Perché non tutte le donne hanno ricevuto i miei stessi diritti. Infatti, statisticamente, sono molto poche ad averli ricevuti.

Nel 1997, Hillary Clinton fece un famoso discorso a Pechino sui diritti delle donne. Tristemente, molte delle cose che voleva cambiare allora, sono ancora vere oggi. Ma quello che mi ha colpito di più, è che meno del 30% del pubblico era composto da uomini. Come possiamo influire sul cambiamento nel mondo quando solo la metà di esso è invitato o si sente benvenuto a partecipare alla conversazione?

Uomini. Vorrei cogliere quest’occasione per estendervi un invito formale. La parità di genere è anche un problema vostro. Perché fino a questo momento, ho visto il ruolo di mio padre considerato meno importante dalla società, nonostante da piccola avessi bisogno della sua presenza tanto quanto quella di mia madre. Ho visto giovani uomini affetti da malattie mentali, incapaci di chiedere aiuto per paura di apparire meno virili, o meno uomini. Infatti, nel Regno Unito il suicidio è la prima causa di morte degli uomini tra i 20 e i 49 anni, eclissando incidenti stradali, cancro e malattie cardiache. Ho visto uomini resi fragili ed insicuri dalla percezione distorta di cosa sia il successo maschile. Neanche gli uomini beneficiano dei diritti della parità di genere. Non parliamo molto spesso di come gli uomini siano imprigionati dagli stereotipi di genere, ma riesco a vedere che lo sono. E quando ne saranno liberati, come conseguenza naturale le cose cambieranno anche per le donne. Se gli uomini non devono essere aggressivi per essere accettati, le donne non si sentiranno in dovere di essere sottomesse. Se gli uomini non devono controllare, le donne non dovranno essere controllate. Sia gli uomini che le donne devono sentirsi liberi di essere sensibili. Sia gli uomini che le donne devono sentirsi liberi di essere forti. E’ tempo di concepire il genere su uno spettro, e non come due serie di valori opposti. Se smettiamo di definirci l’un l’altro in base a cosa non siamo, e cominciamo a definire noi stessi in base a chi siamo, possiamo essere tutti più liberi. Ed è di questo che si occupa #HeForShe. Di libertà.

Voglio che gli uomini prendano su di sé questo impegno, così che le loro sorelle, madri e figlie possano essere libere dai pregiudizi, ma anche perché anche i loro figli possano avere il permesso di essere vulnerabili e umani. Rivendichiamo quelle parti di loro che hanno abbandonato e così facendo permettere loro di essere una versione più vera e più completa di loro stessi.

Magari starete pensando: chi è questa tipa di Harry Potter? E che diavolo ci sta facendo a parlare all’ONU? E’ una buona domanda. Mi sono chiesta la stessa cosa. Tutto quello che so è che mi importa di questo problema e che voglio far sì che le cose migliori. Avendo visto quello che ho visto e avendone l’opportunità, credo che dire qualcosa sia una mia responsabilità.

Lo statista Edmund Burke ha detto che per far sì che il male trionfi, tutto ciò che serve è che bravi uomini e brave donne non facciamo niente. Nella mia agitazione per questo discorso, e nei miei momenti di insicurezza, mi sono detta con fermezza: se non io, chi? Se non ora, quando? Se avete dei dubbi simili, quando vi si presentano delle opportunità, spero che queste parole vi siano d’aiuto. Perché la realtà è che se non facciamo niente, ci vorranno 75 anni, o che io compia quasi 100 anni, prima che le donne possano aspettarsi di essere pagate tanto quanto gli uomini per lo stesso lavoro. 15 milioni e mezzo di ragazze si sposeranno nei prossimi sedici anni e lo faranno da bambine. E con questi ritmi, non sarà prima del 2086, che tutte le ragazze della campagna africana potranno ricevere un’educazione di livello secondario.

Se credete nella parità, potreste essere uno di quei femministi involontari di cui ho parlato prima e per questo, mi complimento con voi. Stiamo facendo fatica a trovare una parola che ci unisca, ma la buona notizia è che abbiamo un movimento che ci unisce. Si chiama #HeForShe. Vi invito a farvi avanti, a farvi vedere e a chiedervi: se non io, chi? Se non ora, quando?

Vi ringraziamo tantissimo.